Blog

35 / LA NOSTRA STORIA / EROI

35 / LA NOSTRA STORIA / EROI

35 / LA NOSTRA STORIA / EROI Il 23 mar­zo 1944, a Roma, in via Rasel­la, una colon­na di sol­dati tedeschi, viene attac­ca­ta da un nucleo dei GAP, i grup­pi comu­nisti di azione par­ti­giana, del quale fan­no parte, tra gli altri, Rosario Ben­tiveg­na, Car­la Cap­ponie Fran­co Cala­man­drei.  Se non fos­se ani­ma­ta da qualche per­sona e da alcu­ni “spazz­i­ni”…

Read More Read More

34 / LA NOSTRA STORIA / ‘FORTEZZE VOLANTIIN AZIONE

34 / LA NOSTRA STORIA / ‘FORTEZZE VOLANTIIN AZIONE

Ala­tri, Anag­ni, Fer­enti­no, Veroli: quat­tro cit­tà che in una situ­azione quale è quel­la che si vive nel Lazio merid­ionale durante il sec­on­do con­flit­to mon­di­ale rischi­ano, giorno dopo giorno, di vedere andare in pol­vere non solo irripetibili espres­sioni artis­tiche di altre epoche ma anche tes­ti­mo­ni­anze di vicende storiche tal­vol­ta uni­ver­sali. C’è, in quei frangen­ti, ci si…

Read More Read More

33 / LA NOSTRA STORIA / IL BOMBARDAMENTO DI CASSINO

33 / LA NOSTRA STORIA / IL BOMBARDAMENTO DI CASSINO

Nove giorni dopo il bom­bar­da­men­to di Mon­te­cassi­no, cioè il 24 feb­braio, avrebbe dovu­to scattare l’operazione “Dick­ens”. Ma nei cir­costanziati piani degli alleati per­ché l’operazione pos­sa andare felice­mente in por­to, abbia, cioè, come risul­ta­to l’apertura del­la stra­da per Roma, occor­rono almeno tre giorni di bel tem­po. Ciò, sia per con­sen­tire al ter­reno di ras­so­dar­si e, quin­di,…

Read More Read More

32 / LA NOSTRA STORIA / I MOLTI VOLTI DEL TERRORE

32 / LA NOSTRA STORIA / I MOLTI VOLTI DEL TERRORE

Anche il mese di mar­zo non è da meno a quel­li che lo han­no appe­na pre­ce­du­to quan­to ad even­ti dram­mati­ci diret­ta­mente o indi­ret­ta­mente dipen­den­ti dalle vicende bel­liche. Ce n’è abbas­tan­za, insom­ma, per­ché il ter­rore e lo spaven­to con­tin­uino nel loro incon­trasta­to dominio sulle per­sone. A Coreno Auso­nio, il 4 mar­zo, due gio­vanis­sime donne, Maria Di Bel­lo(17…

Read More Read More

31 / LA NOSTRA STORIA / ENTRANO IN SCENA LE TRUPPE DI COLORE

31 / LA NOSTRA STORIA / ENTRANO IN SCENA LE TRUPPE DI COLORE

La sera del 24 feb­braio, alla per­ife­ria di Ripi, due, forse tre sol­dati tedeschi entra­no in una casa di con­ta­di­ni. Su ciò che accade dopo riferisce Anto­nio Camil­li: «Si guardano intorno da padroni. I con­ta­di­ni offrono il vino per ten­er­li buoni. Ma non bas­ta. Vici­no ad un fie­nile c’è una pec­o­ra, l’ultima; sono rius­ci­ti a non…

Read More Read More

30 / LA NOSTRA STORIA / CIVILI NEL MIRINO

30 / LA NOSTRA STORIA / CIVILI NEL MIRINO

Anche a feb­braio episo­di di vio­len­za con­tin­u­ano a ver­i­fi­car­si un po’ dap­per­tut­to men­tre la guer­ra, dal can­to suo, con­tin­ua ad incalzare ed a dare il suo con­sis­tente con­trib­u­to alla trage­dia in cor­so. A Vil­la San­to Ste­fano, il 4 feb­braio, tre sol­dati tedeschi avvinaz­za­ti ucci­dono una don­na; quel­lo stes­so giorno a Rus­ci­to, una con­tra­da di Pied­i­monte…

Read More Read More

29 / LA NOSTRA GUERRA / VERSO L’IGNOTO

29 / LA NOSTRA GUERRA / VERSO L’IGNOTO

Il giorno dopo il bom­bar­da­men­to, rac­con­ta don Mar­ti­no Matrono­la, «appe­na com­in­cia ad albeg­gia­re qua­si tut­ta la popo­lazione civile va via; restano solo tre famiglie di coloni, alcune per­sone vec­chie, alcu­ni bam­bi­ni abban­do­nati dagli stes­si gen­i­tori, qualche fer­i­to grave e quat­tro cinque uomi­ni vali­di». Fra Pietro sco­pre casual­mente che la cis­ter­na del­la cuci­na è intat­ta; quan­to al…

Read More Read More

28 / LA NOSTRA GUERRA / IL BOMBARDAMENTO DI MONTECASSINO

28 / LA NOSTRA GUERRA / IL BOMBARDAMENTO DI MONTECASSINO

Quel mart­edì 15 feb­braio a Mon­te­cassi­no ci si sveg­lia per tem­po. Come al soli­to, del resto. Ed alcu­ni minu­ti pri­ma delle 5 don Mar­ti­no Matrono­laè già dall’abate «per chiedere le ultime istruzioni e la benedi­zione». Intan­to, l’ufficiale tedesco che don Mar­ti­no avrebbe dovu­to incon­trare fuori del monas­tero è lui stes­so a recar­si dall’abate, accom­pa­g­na­to da un…

Read More Read More

27 / LA NOSTRA GUERRA / MONTECASSINO DEVE ESSERE DISTRUTTA

27 / LA NOSTRA GUERRA / MONTECASSINO DEVE ESSERE DISTRUTTA

E’ l’11 gen­naio 1944 quan­do, ver­so le ore 21, sul monas­tero di Mon­te­cassi­no arri­va la pri­ma grana­ta allea­ta che finisce sul chiostro d’ingresso: i vetri van­no in fran­tu­mi e le pareti restano criv­el­late dalle schegge. Altre due l’hanno pre­ce­du­ta di un quar­to d’ora, una cadu­ta a San Giuseppe e l’altra non lon­tano da dove era…

Read More Read More

26 / LA NOSTRA GUERRA / LE STRADE DELLESODO

26 / LA NOSTRA GUERRA / LE STRADE DELLESODO

Ad Aquino, dove se già non si è andati via, ad esem­pio sulle pen­di­ci del monte Cairo, i più “vivono” o in cam­pagna o nelle grotte al di sot­to di quel­lo stra­pi­om­bo local­mente det­to “Pen­time” — cui la topono­mas­ti­ca autostradale ha dato noto­ri­età per cos­ti­tuire l’angolo pù carat­ter­is­ti­co del “Val­lone d’Aquino” — l’ordine di sgombero…

Read More Read More